RIAPRE IL BOTTEGHINO PER LA STAGIONE TEATRALE 2018-19

BOTTEGHINO APERTO

Nei giorni 24 e 25 settembre 2018 dalle ore 16:30 alle ore 19:00 e 29 settembre 2018 dalle ore 9:30 alle ore 12:00, vi aspettiamo al Teatro “Don Bosco” viale Mario Rapisardi, 56 Catania, per il rinnovo degli abbonamenti o la prenotazione di un nuovo abbonamento!

Associazione Teatro d’Arte-Teatro in allegria, diretta da Donata Indaco, con i capocomici Cosetta Gigli e Giovanni Puglisi, vi presentano la stagione teatrale 2018-19 che si terrà presso il Teatro “Don Bosco” v.le Mario Rapisardi Catania.  Come sempre prediligiamo lavori brillanti perché è nostro intento farvi trascorrere un paio di ore senza pensare a nulla se non ridere. 

20 e 21 Ottobre 2018 TAXI A DUE PIAZZE di R. Cooney nella versione in italiano di J. Fiastri. In questa versione, Giovanni Puglisi è il regista e l’interprete di questa classica commedia in cui equivoci, scambi di persona, doppi sensi e situazioni al limite del paradosso garantiscono due ore di puro divertimento e risate. Il protagonista di “Taxi a due piazze” si chiama Mario Rossi ed è un uomo dal nome banale, l’aspetto ordinario, un lavoro comune (fa il tassista) e una vita semplice: bella casa, moglie innamorata, abitudini consolidate. Una vita talmente serena che Mario l’ha moltiplicata per due! Bigamo soddisfatto, vive infatti con la moglie Carla a piazza Risorgimento e con la moglie Barbara a piazza Irnerio. Grazie ai turni del suo lavoro e ad una pianificazione perfetta di orari e spostamenti, tutto scorre felicemente, con le due donne totalmente inconsapevoli l’una dell’altra. Quando però a causa di un banale colpo alla testa il tassista viene ricoverato in ospedale e fornisce due indirizzi di residenza diversi, iniziano i guai… Tra giornalisti curiosi, vicini di casa invadenti e ispettori di polizia chiamati ad indagare, la situazione si complica e da qui in poi sarà tutto un susseguirsi di equivoci, coincidenze, bugie a catena, scambi di identità, brillanti trovate e scombinati errori nel tentativo forsennato e sempre più difficile di nascondere la verità. Un crescendo inarrestabile di situazioni assurde e di ritmo incalzante che porteranno a un finale brillantemente spiazzante. 

1 e 2 Dicembre 2018 U MEDICU DE PAZZI di E. Scarpetta tradotto in dialetto siciliano. Gianni Sciuto ne è il regista e protagonista. Ciccino, nipote dissennato, vive da anni  alle spalle dello zio Felice Sciosciammocca che sta a Roccasecca.  Per spillargli sempre più soldi gli fa credere di essere studente di medicina e con questa scusa lo zio foraggia, suo malgrado, ogni suo vizio. Ma all’improvviso, inaspettatamente, lo zio arriva in città con moglie e figlia. Ciccino, non sapendo che pesci prendere, inventa che la pensione in cui vive a sbafo è in realtà un manicomio ed i suoi ospiti sono in realtà dei pazzi che credono di essere la proprietaria della pensione, un maggiore a riposo, un musicista ecc. L’unico sano, lo zio Felice Sciosciammocca appunto, rischia di esser preso per pazzo. Il tutto viene scoperto ed il finale è “a tarallucci e vino” come nella migliore tradizione dell’autore.

26 e 27 Gennaio 2019, PASQUALE FLANELLA inedito di Sergio Borsellino che cura anche la regia. L’ambientazione del testo è verso la fine degli anni cinquanta ed ha i sapori di quella Italia risorta dalle macerie della seconda guerra mondiale, dove il progresso e l’alfabetizzazione fecero sparire quei piccoli mestieri che prima, durante e subito dopo la guerra erano l’unica risorsa economica. Lo scrivano, il “poeta“ della via,  a cui si rivolgevano gli analfabeti, che scriveva lettere e componeva poesie per gli innamorati, stava scomparendo. Alla precarietà economica si affiancavano, a volte, problemi sociali e di etica morale che affondavano le radici in quella Italia cattolica cristiana, frutto di convenzioni tra Stato e Chiesa, dove quest’ultima dettava la strada maestra del buon cristiano. Per questa etica e quindi “ occhio sociale ” molti  drammi  familiari rimasero chiusi, per molto tempo, tra le  mura domestiche, si sapeva o si sospettava, ma non se ne doveva parlare. Bastava pregare e fare un “mea culpa”. Ssst!

16 e 17 Marzo 2019 ‘U MURU di Natale Puglisi.  Melina Di Stefano ne cura la regia. Un cortile, due famiglie, una non meglio individuata località siciliana. Sono questi gli ingredienti della commedia di Natale Puglisi, uno dei veterani dei palcoscenici teatrali isolani. Uno spaccato di quotidianità quanto mai attuale: due famiglie in eterna lotta, due nuclei familiari che, attaccati alla propria roba ed alle loro piccole cose, cercano di prevalere l’uno sull’ altro. Con tratto delicato e mai volgare, si delineano usi e costumi della terra di Sicilia, rappresentando sul palcoscenico ciò che accadeva (e continua ad accadere) in un tipico “cuttigghiu” presente alle nostre latitudini, senza cedere ai facili “macchiettismi” che ritroviamo in tante commedie in vernacolo di altri autori: l’antico rito del fidanzamento in casa, l’ostentazione della dote, che deve essere quanto più ricca possibile, gli amori vissuti con timidezza, quasi vergognosamente sono i temi portanti del lavoro. Su tutto prevale, alla resa dei conti, una delle principali ed innate caratteristiche del popolo siciliano: l’estremo individualismo, la cura del proprio “orticello”. Ecco che, così, sorgono spesso dei “muri” insormontabili che dividono ed allontanano dai propri simili.

4 e 5 Maggio 2019 SANREMO E’ SANREMO varietà scritto e diretto da Cosetta Gigli.  la splendida voce di Cosetta e non solo vi farà rivivere le canzoni che sono state rese celebri dal festival condite dalla ironia, comicità e satira dei comedians che riproporranno gags ed avvenimenti che hanno reso e rendono il festival di Sanremo unico.

Inoltre, per le scuole e fuori abbonamento, lo spettacolo “I MALAVOGLIA” tratto dall’omonimo romanzo di Giovanni Verga.

Sulla scena i beniamini del nostro pubblico: prima fra tutti Cosetta Gigli che non solo ci accompagnerà con la sua splendida voce ma anche vestirà i panni di attrice in quasi tutti i lavori con la bravura e la simpatia che la caratterizzano; Giovanni Puglisi, Francesca Barresi, Gianni Sciuto, Alba La Rosa, Sergio Borsellino,  Melina Di Stefano, Rossella Strano, Annalisa Parisi, Antonio Parisi, Toti Finocchiaro, Pierantonio Pistone, Luciano Graziano, Amelia Puglisi, Alfio Recupero, Riccardo Tomasello e tanti altri ancora.

Il costi dell’abbonamento è di €55,00. Per prenotazioni o informazioni 347-4693293  oppure  348-9125692

Commenti chiusi